Siamo spiacenti

Non sei abbastanza grande per visualizzare questo sito ...

Il nostro meglio per il vino


I nostri vigneti


In vigna seguiamo il metodo “médocaine”, molto utilizzato nella regione di Bordeaux e lavoriamo con un’alta densità d’impianto combinata ad una bassa altezza delle viti. Abbiamo suddiviso i nostri vigneti in 15 micro-siti e 38 parcelle, per valorizzarne ogni sfumatura. Per ottenere un raccolto di grande qualità, la vendemmia avviene con la raccolta di pochi grappoli per vite seguendo il principio delle basse rese. Un metodo che comporta molto lavoro ma che regala grandi soddisfazioni.

Vini di grande pregio


Anche in cantina lavoriamo in armonia con la natura e sfruttandone le leggi, come la gravità. Combiniamo l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia a metodi di lavorazione delicati e grande spirito di sperimentazione. Il processo di vinificazione viene svolto con grande accuratezza e senza vincoli di tempo, lasciando ai vini tutta la tranquillità necessaria per raggiungere la maturità. Individuiamo i contenitori adatti e il livello di tostatura adeguato delle botti per esaltare le potenzialità di ogni vino.

Una storia di famiglia


Dopo oltre mezzo secolo di storia vitivinicola in Germania, la famiglia di imprenditori tedesca Knauf ha realizzato 20 anni fa il sogno di dare vita ad un’azienda vinicola in Toscana. A Campo alla Sughera, Isabel Knauf e il cugino Frederick Knauf perseguono oggi un obiettivo ben preciso: produrre vini eleganti e dall’identità inconfondibile, tra i quali uno dei più ricercati Bolgheri Doc Superiore.

La nostra cantina


La cantina di Campo alla Sughera è stata progettata dell’enologo / progettista Girolamo Michelin che ha curato nel corso della sua lunga carriera la progettazione di prestigiose cantine quali San Felice, Volpaia, Badia a Coltibuono , Lageder e la nuova Cantina Produttori Bolzano. La cantina si sviluppa su tre livelli arrivando fino a 10 metri di profondità per sfruttare la forza di gravità ed evitare l’utilizzo di pompe meccaniche nella fase inziale di riempimento dei serbatoi e nella fase di svinatura. Si è ricercata la massima funzionalità e razionalità in termini di lavorazione delle uve, dei mosti e dei vini ricercando soluzioni che ne rispettassero al massimo l’integrità e ne consentissero la loro piena espressione qualitativa. Le uve così selezionate passano per caduta dalla diraspatrice nei serbatoi di vinificazione che si trovano al livello inferiore semplicemente sfruttando la forza di gravità senza l’ausilio di pompe meccaniche.

La nostra Barricaia


La cantina dispone inoltre di due zone affinamento per le barriques e per l’affinamento bottiglie completamente sotto il livello del terreno per un totale di 1100 mq. Le zone affinamento barriques sono divise in una prima barricaia che viene utilizzata come zona per la fermentazione malolattica (dato che è possibile riscaldare questo ambiente) e una barricaia di affinamento di 500 mq che può contenere più di 1000 barriques L’estensione delle zone affinamento 10 metri sotto il livello del piano di campagna ci permette di mantenere naturalmente la temperatura e l’umidità ideali per consentire ai nostri vini un ottimale affinamento in legno prima ed in bottiglia succesivamente